Glossario Finanziario

Ammortamento

E' il processo di restituzione graduale del mutuo mediante il pagamento periodico di rate comprendenti una quota capitale e una quota interessi.
La formula di ammortamento applicata più frequentemente è quella detta "alla francese" (o "a quota capitale progressiva"): con l'andare del tempo la quota di interessi decresce progressivamente, la quota che va a rimborsare il debito cresce ma, nel caso almeno di un mutuo a tasso fisso, l'importo di rata resta invariato.

EURIBOR

Tasso interbancario di riferimento diffuso giornalmente dalla Federazione Bancaria Europea come media ponderata dei tassi di interesse ai quali le Banche operanti nell'Unione Europea cedono i depositi in prestito.

 

 

EURIRS

Tasso interbancario di riferimento diffuso giornalmente dalla Federazione Bancaria Europea pari ad una media ponderata delle quotazioni alle quali le banche operanti nell'Unione Europea realizzano l'Interest Rate Swap. E' detto anche IRS.

Isc

(indicatore sintetico di costo) è, secondo l'Abi, il primo parametro da confrontare per verificare la convenienza di un prodotto rispetto a un'altro. Esprime, in termini di percentuale annua, il costo totale reale a carico del cliente: comprende cioè l'interesse applicato, lo spread e tutti gli oneri legati all'accensione e gestione del mutuo (tra cui anche il costo per l'incasso della rata). Sono escluse dall'Isc le spese relative alla penale per estinzione anticipata (perché riguarda solo chi intende chiudere il mutuo prima della sua naturale scadenza) e la cancellazione dell'ipoteca (costo medio 80 euro). Quando si chiede alla banca il prospetto informativo sui mutui, la banca ha l'obbligo di indicare anche questo parametro.

Libor

(London interbank offered rate ). Costo del denaro a breve rilevato sulla piazza di Londra. E' un indice finanziario adoperato per calcolare le variazioni dei tassi dei mutui denominati in valute non Euro (come il franco svizzero).

LTV

L'LTV (Loan to Value) indica il rapporto percentuale tra l'importo del mutuo richiesto e il valore di perizia dell'immobile ipotecato. Ad esempio un mutuo di 80.000 euro per acquistare un immobile con valore di perizia di 100.000 euro ha un LTV dell'80%.

Mutuo a tasso fisso

Il tasso d'interesse rimane fisso per tutta la durata del mutuo.
Il mutuo a tasso fisso dà al consumatore la certezza della misura del tasso indipendentemente dalle variazioni di mercato.

Questo mutuo è indicato per il cliente che voglia conoscere, fin dalla stipula del contratto, gli importi delle singole rate a scadere e l'ammontare complessivo del debito (capitale e interessi) da restituire.

Mutuo a tasso misto

Il tasso d'interesse può passare da fisso a variabile (o viceversa) a scadenze fisse e/o a determinate condizioni specificatamente indicate nel contratto di mutuo.
Il mutuo a tasso misto consente al consumatore di alternare a tempi prestabiliti contrattualmente gli effetti del tasso fisso e del tasso variabile. Questo mutuo è indicato per il cliente che preferisca non prendere subito una decisione definitiva sul tipo di tasso.

Mutuo a tasso variabile

Il tasso d'interesse varia in relazione all'andamento di uno o più parametri specificatamente indicati nel contratto di mutuo.

Il mutuo a tasso variabile consente al consumatore di corrispondere, tempo per tempo, un tasso in linea con le variazioni di mercato.

Questo mutuo è indicato per il cliente che preferisca rate di mutuo variabili nel corso della vita del mutuo, in relazione all'andamento dei tassi di interesse di mercato.

Mutuo a due tipi di tasso

Il capitale finanziato è diviso in due quote, di cui una a tasso di interesse fisso e una a tasso d'interesse variabile.

Il mutuo a due tipi di tasso offre al consumatore una soluzione intermedia tra tasso fisso e tasso variabile.

Mutuo chirografario

Il mutuo chirografario è una forma di prestito, senza ipoteca, con durata dai 19 mesi ai 5 anni, utilizzabile per qualsiasi tipo di necessità che non riguarda l'acquisto di beni o servizi, ad esempio spese di manutenzione della abitazione, pagamento delle imposte, acquisto di un immobile od altro.
Se utilizzato per la ristrutturazione prevede il vantaggio fiscale della detrazione di una parte degli interessi pagati dalla dichiarazione dei redditi.

Mutuo fondiario

Il credito fondiario ha per oggetto la concessione, da parte di banche, di finanziamenti a medio e lungo termine, diretti all'acquisto e ristrutturazione di immobili e garantiti da ipoteca di primo grado sugli stessi, per un importo fino all'80% del valore dell'immobile.

Piano d'ammortamento

E' il piano di rimborso del mutuo con l'indicazione della composizione delle singole rate.

Preammortamento

Periodo iniziale del mutuo nel quale le rate pagate sono costituite dalla sola quota interessi.

Rata

Pagamento che il mutuatario effettua periodicamente per la restituzione del mutuo secondo cadenze stabilite contrattualmente (mensili, trimestrali, semestrali, annuali, etc.). La rata è composta da una quota capitale, cioè una parte dell'importo prestato, e da una quota interessi, relativa a una parte degli interessi dovuti alla banca per il mutuo.

Rata costante

La somma tra quota capitale e quota interessi rimane uguale per tutta la durata del mutuo.

Rata crescente

La somma tra quota capitale e quota interessi cresce al crescere del numero delle rate pagate.

Rata decrescente

La somma tra quota capitale e quota interessi decresce al decrescere del numero delle rate pagate.

Spread

Maggiorazione percentuale del parametro di riferimento di un mutuo. Il parametro (come l’Euribor) più lo spread formano il tasso.

Imposta sostitutiva

(sostituisce le imposte di registro, bollo, ipotecarie, catastali e le tasse sulle concessioni governative) è

trattenuta dalla Banca al momento dell'erogazione ed è versata direttamente al fisco, detrazioni Irpef sugli

interessi passivi, successive all’erogazione.

 

L'utente può compilare una richiesta di preventivo che verrà inviata ai Notai della zona scelta.

Sarà cura del Notaio ricontattare il cliente, richiedere dati aggiuntivi al fine di fornire il preventivo, la consulenza o fissare un incontro di approfondimento presso lo Studio.

Notariato.info consiglia di affidarsi ad un Notaio basandosi principalmente sulla risposta che verrà fornita, sulle sensazioni di professionalità e cura per il cliente che il Notaio vi trasmetterà a prescindere dal preventivo offerto.

Difficilmente il prezzo più basso è sinonimo di miglior servizio e difficilmente un preventivo proposto senza un colloquio conoscitivo con il Notaio potrà essere considerato completo.

Il nostro sistema di ricerca del Notaio è totalmente automatico.

 

CHI E' IL NOTAIO ?

Il notai sono liberi professionisti e contemporaneamente pubblici ufficiali, figure speciali previste dall'ordinamento per favorire la registrazione capillare degli atti stipulati fra i cittadini. Nel diritto italiano, infatti, in base all'art. 1 della legge 16 febbraio 1913, n. 89 (legge notarile), i notai sono ufficiali pubblici istituiti che: ricevono gli atti tra vivi e di ultima volontà, li certificano pubblicamente, li conservano in deposito, ne possono rilasciare copie,certificati ed estratti

L'atto notarile, diversamente da un scrittura privata, è opponibile a terzi. Il contratto fra privati, più economico, è valido solamente fra le parti contraenti.

Il Notaio, per sua natura giuridica è:
  • pubblico ufficiale, a ciò autorizzato da un’investitura dello Stato a seguito del superamento di un selettivo concorso, il più severo in assoluto, e contemporaneamente
  • libero professionista, in quanto esercita la sua funzione non da dipendente dello Stato, ma con un’organizzazione di stampo libero professionale.

Proprio per questa duplice veste rende al cliente una prestazione molto complessa tendente a responsabilizzare le parti sul contratto che intendono conseguire, nonché a dare pubblica fede al contratto stesso, verificando la correttezza e la veridicità delle loro dichiarazioni, naturalmente entro i limiti della propria funzione e senza potere sostituire la competenza di altri professionisti o esperti. Non di rado infatti i Notai si avvalgono della consulenza e della specifica competenza di Dottori Commercialisti, Avvocati, Geometri o Periti.

I Notai sono giuristi e la loro competenza non è limitata al campo prettamente giuridico, ma investe anche quello fiscale nella misura in cui devono autoliquidare le imposte dovute a seguito degli atti da lui stipulati in quanto i Notai fungono da esattori per conto dello Stato, essendo responsabili in prima persona del pagamento delle imposte relative agli atti  stipulati quale sostituti di imposta. Infine i Notai si occupano anche del campo amministrativo, infatti lo Stato, attraverso l’opera di controllo preventivo del Notaio, pone in essere un controllo sulle transazioni immobiliari e di conseguenza sugli edifici costruiti abusivamente e sulle lottizzazioni abusive.

L’attività dei Notai tende a far emergere l’esatta volontà delle parti e indica loro la via giuridica più corretta per ottenere il risultato desiderato ed inoltre responsabilizza le parti stesse sul contratto che andranno a sottoscrivere.

Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookies anche di terze parti. Per maggiori informazioni leggere la privacy. Privacy Policy.

Accetto i cookies da questo sito